Le 12 regole per una startup secondo Mark Cuban

Cloud computing: archiviare innovando
21/02/2012
Startup in Italia: perchè è difficile decollare?
22/02/2012

Le 12 regole per una startup secondo Mark Cuban

Mark Cuban è un imprenditore statunitense, che fa spesso parlare di sè per le multe pagate per i suoi comportamenti sopra le righe in qualità di proprietario dei Dallas Mavericks della NBA. Ma è anche una delle figure che meglio rappresentano l’ideale dell’imprenditore partito da zero, con la sua idea di impresa, e diventato multimilionario.

Nel 1999, nel pieno della bolla delle dot.com, vendette la sua azienda Broadcast.com a Yahoo!, alla cifra di 5.9 miliardi di dollari. Oggi, dall’alto della sua esperienza, Cuban parla, con la schiettezza e sincerità che l’hanno sempre contraddistinto, di quelle che secondo lui sono le 12 regole per avviare una startup.

1. Non lanciare una startup fino a quando non diventa per te un’ossessione, o qualcosa che ami.

2. Se hai una exit strategy, allora non è un’ossessione.

3. Assumi persone che credi ameranno lavorare con te.

4. Le vendite curano tutto. Cerca di capire il modo in cui incrementare le vendite, e comprendere il modo in cui le stai gestendo adesso.

5. Conosci le tue competenze principali, e concentrati sull’essere grande in quelle. Paga meglio le competenze che ti servono nelle tue aree principali, prendi il meglio che c’è.

6. Offri bevande gratuite (ma non caffè). Utilizza il pranzo come occasione per uscire dal lavoro e parlare.

7. Niente uffici separati. Gli “open space” tengono le persone in contatto e permettono a tutti di capire quello che succede nell’azienda. Non c’è niente di privato in una start-up.

8. Utilizza le tecnologie che conosci. Un metodo efficace e che ti permette di risparmiare tempo e denaro.

9. Mantieni un’organigramma piatto. In una startup non ci sono manager che parlano ad altri manager.

10. Non comprare mai merchandising aziendale. Utilizzalo solo se e quando i tuoi dipendenti parleranno ad eventi pubblici, ma stai certo che non lo indosseranno al di fuori dell’ufficio.

11. Attento alle public relations. Affidarsi a grandi agenzie di comunicazione potrebbe non essere una scelta vincente. Costruisci una rete di contatti diretti coi tuoi interlocutori.

12. Rendi divertente il lavoro. Controlla sempre il livello di stress e il raggiungimento degli obiettivi.

Dunque, la visione della startup secondo Cuban è quella di un’azienda semplice, diretta, orientata al risparmio e ad un’efficace gestione delle risorse umane e delle comunicazioni. Difficile, se non impossibile, non trovarsi d’accordo con questa prospettiva.