Pinterest: oggetto misterioso o opportunità per promuovere il brand?

Il mercato dell’ICT genera un quarto del PIL europeo
01/03/2012
Perchè la creatività italiana sta sparendo?
01/03/2012

Pinterest: oggetto misterioso o opportunità per promuovere il brand?

Pinterest LogoIl mondo dei social network vede ogni giorno un nuovo protagonista: da qualche tempo le luci della ribalta sono puntate su Pinterest. Ma sarà gloria passeggera, o la bacheca virtuale riuscirà a catturare l’attenzione degli utenti di internet?

I numeri dicono che, a gennaio, Pinterest ha raggiunto gli 11 milioni di utenti, trend comunque in crescita esponenziale. In molti, però, dopo aver ricevuto l’invito ed essersi iscritti al social network, si trovano di fronte alla fatidica domanda: e ora cosa faccio? Tranquilli, la domanda è legittima, e, con la crescente notorietà raggiunta dal sito, si sono moltiplicate le guide su come usare il servizio. Il che dovrebbe spiegare la non immediata facilità d’utilizzo di Pinterest.

Il suo funzionamento è però semplice. Si tratta di una “lavagna virtuale dove organizzare e condividere le cose che ami“, come dovrebbe suggerire l’utilizzo del pin, la classica puntina in metallo che, prima dell’era digitale, si applicava per attaccare foto e altro sulle lavagne in sughero. Dunque, per ora, gli utenti hanno solo la possibilità di condividere immagini e raggrupparle per categorie, per rendere più semplice trovare persone con interessi simili e reperire fotografie che gli piacciono. In verità, la partecipazione e l’interattività sembrano ancora molto limitati, per cui si corre il rischio che ci si possa annoiare facilmente ed abbandonare il sito.

In realtà, invece, le aziende si stanno accorgendo sempre di più delle opportunità di promozione del brand offerte da Pinterest. L’utilizzo di immagini è un grosso stimolo per la creatività, e per chi comunica con immagini, emozioni e design. Insomma, le grandi aziende hanno già sguinzagliato i loro creativi a caccia della formula perfetta del successo su Pinterest. Per adesso, gli esperti di marketing si sono accorti che questo sembra essere il social network che piace alle donne.

Insomma, un altro social network che apre le porte alla creatività e alla gestione social dell’identità aziendale. La presenza dei brand su Facebook e Twitter è ormai consolidata,e gli utenti vedono alcune pagine aziendali come veri e propri interlocutori; se Pinterest continuerà la sua crescita e catturerà l’attenzione degli utenti (vera discriminante per il successo di un social network, basti pensare a Google+ e alla sua crisi) promuovere il proprio marchio in maniera creativa e stimolante sarà una sfida all’ordine del giorno per ogni azienda.

Il