Content curation, una nuova tendenza per i social media

Startup Boot Camp: si parla di startup e innovazione
22/03/2012
Primo referendum digitale in Italia, al via l’esperimento
23/03/2012

Content curation, una nuova tendenza per i social media

pinterest-cover-storyUna delle nuove tendenze che stanno caratterizzando l’utilizzo dei social media è la content curation: la raccolta, ordinamento e condivisione di materiali reperiti online e ritenuti rilevanti per un certo tema.

L’idea è quella di organizzare e costruire collettivamente l’informazione; dunque, selezionare, conservare e organizzare contenuti online, rendendone più agevole il loro consumo da parte di altri utenti. L’esigenza è quindi quella di avere dei curator che svolgono questo lavoro di selezione qualitativa dei contenuti: le motivazioni che spingono verso la professionalizzazione di una figura del genere sono molteplici.

A livello generale, l’attività di content curation può servire a generare valore sia per le aziende, a livello di brand awareness, sia per il singolo, che può così raccogliere informazioni e altro materiale interessante in maniera originale e creativa. Parlando di tendenze globali, la grande attenzione verso la content curation riflette probabilmente un passaggio verso un modello di rete topic-centric, piuttosto che user-centric.

La rete ha quindi assistito al rapido sviluppo di piattaforme di catalogazione dei contenuti che, in misura maggiore o minore, stanno raccogliendo successo. La possibilità di strutturare i contenuti in un insieme coerente e originale ha scatenato la fantasia dei navigatori. Della rapida ascesa di Pinterest abbiamo già parlato; ma anche altre piattaforme stanno guadagnando la fiducia di chi cataloga contenuti online.

Scoop.it, Snip.it, Searcheeze danno all’utente la possibilità di inserire tra i propri contenuti anche testi e materiali informativi provenienti dal web. L’opportunità più interessante offerta da questi servizi è quella di poter curare personalmente lo stile informativo della presentazione dei contenuti.

Storify è stata invece definita come una piattaforma di storytelling collettivo: l’utente ha la possibilità di raccogliere link, tweet, status di fb, video, foto: tutto finalizzato a raccogliere pezzi di narrazione e presentarli al proprio pubblico.

Questa breve panoramica ci consente di individuare quella che probabilmente sarà una nuova tendenza della rete: il passaggio da un sistema di ricerca web di massa a una catalogazione condivisa dei contenuti, il passaggio, in pratica, da un approccio di ricerca a un approccio di scoperta.