Startup: i 5 errori da evitare

Che futuro! La voce degli innovatori
27/03/2012
Dardox sviluppa con Joomla 2.5
24/07/2012

Startup: i 5 errori da evitare

Quando pensiamo alla fase di avvio di una startup, molto spesso ci concentriamo sui vantaggi e sulle prospettive future che la nostra idea potrà portarci. Un atteggiamento da tenere in considerazione sarebbe invece quello di analizzare e pianificare in maniera efficace, anche se in maniera semplice, tutte le nostre azioni.

Quali sono quindi i pericoli e gli errori più comuni da evitare nella fase di programmazione e ideazione della nostra startup? Patrick Lencioni ha scritto un interessantissimo libro che analizza nel dettaglio le possibili disfunzionalità che un team di lavoro può incontrare: The Five Dysfunctions of a Team: a Leadership Fable, che parla come detto di un approccio su scala più larga, ma all’interno del quale possiamo trovare i 5 errori da evitare per chi vuole avviare un proprio progetto imprenditoriale:

1) Mancanza di fiducia: sia nei confronti della propria idea ma soprattutto nei confronti degli altri componenti del gruppo. Senza fiducia, una startup probabilmente non supererà nessun ostacolo, neanche quelli più semplici.

2) Paura del conflitto: la necessità di un sano confronto è stata evidenziata da sempre.  Anche se questo dovesse degenerare in accese discussioni, non è detto che sia un male. Dalle opposizioni nascono spesso compromessi vincenti.

3) Mancanza di motivazioni: la mancanza di motivazioni adeguate si riflette su tutti i livelli, ma soprattutto impedisce una divisione organica e razionale del lavoro, momento di particolare importanza nelle fasi iniziali di una startup.

4) Evitare le responsabilità: è un fattore importante anche e soprattutto in ottica interpersonale. A volte sarà necessario alzare la voce o prendersi responsabilità che altri non vogliono assumersi: trascinare le decisioni porta solo al deterioramento dei rapporti personali e a una perdita di fiducia nell’altro

5) Scarsa attenzione ai risultati: un errore comune è quello di pensare ai propri obiettivi e ai risultati ottenuti in prima persona piuttosto che concentrarsi sul raggiungimento di obiettivi di gruppo. Anche i gruppi più piccoli hanno bisogno di obiettivi misurabili e specifici, tramite i quali innalzare di giorno in giorno l’asticella del proprio lavoro.

Come si può notare, si tratta di tante piccole cose che vengono spesso trascurate in azienda, vuoi per mancanza di tempo, vuoi per scarsa capacità di coordinamento. L’attenzione ai dettagli e alle relazioni tra le persone sono un fattore fondamentale per costruire una startup di successo.