Chi sono i makers? Viaggio tra gli artigiani digitali
05/11/2012
Open gov, la strada verso una politica partecipata
14/11/2012

La strada italiana alla green economy

Puntare sulla natura come strumento di innovazione e scommettere sulle tecnologie pulite per uscire dalla crisi: è questa la ricetta della green economy declinata in salsa italiana. Sono tante le aziende che decidono di riconvertire la propria produzione in chiave ecosostenibile, riuscendo anche ad ottenere miglioramenti nei processi produttivi.

Le politiche ambientali stanno cambiando sempre più la loro natura: da vincolo oneroso, pensate a volte quasi come un fastidio, stanno diventando uno stimolo per generare pratiche innovative e aumentare la competitività dell’azienda in un mercato con cui diventa sempre più difficile fare i conti.

Green economy che dunque esce dal recinto del settore delle energie rinnovabili e dell’efficienza energetica, per allargarsi a settori nuovi: high tech, agroalimentare, edilizia, meccanica, elettronica e servizi. Pensare e operare pensando all’impatto ambientale è oggi la chiave per guadagnare spazi nuovi e, soprattutto, per sperimentare e mettere in pratica strumenti di vera innovazione.

Anche i settori dell’alta tecnologia si stanno lentamente accorgendo dell’importanza della green economy: anche le aziende di tecnologia mobile, ad esempio, stanno riconvertendosi ad uno sviluppo ecosostenibile. L’impegno dei giganti del settore mobile, come Apple e Samsung, ha stimolato anche i concorrenti a pensare modelli produttivi che possano rendere la tecnologia quanto più funzionale, certo, ma anche e soprattutto più ecosostenibile.

Anche i dati confermano quella che sembra essere la tendenza generale: vale a dire che le imprese che investono in tecnologie ecosostenibili, sono anche quelle che hanno introdotto innovazioni di prodotto o di servizio nel corso degli ultimi anni. Sembra dunque che, dalla green economy, possa arrivare la cura giusta per uscire dalla crisi: pensare e adottare tecnologie a basso impatto ambientale, puntando su prodotti che possano interagire in maniera “pulita” con l’ambiente che ci circonda e, di conseguenza, investire nel territorio.