Gianfranco è il nostro sviluppatore IT, ha venticinque anni e, come suggerisce il suo cognome, viene da lontano. È nato in Venezuela ed è approdato da quasi due anni nel paesino della Basilicata di dove sono originari i suoi genitori.

In ufficio è quello che ha la bacchetta magica per tutti i problemi che riguardano i computer e la tecnologia in generale. Che ti esca il classico errore 404 o non ti va il wi-fi, c’è una sola persona da chiamare: Gianfranco, il nostro gigante buono cibernetico.

Scambiamo due chiacchiere con lui…

Da quanto lavori in Broxlab e di cosa ti occupi?

Lavoro in Broxlab da quasi un anno, ho cominciato a ottobre del 2019 come tirocinante. All’inizio ero responsabile di tutta la gestione dei domini, degli account GSuite e email dell’azienda. Ora mi occupo più specificatamente di sviluppo web, il nome preciso della posizione è Full Stack IT Developer. Sembra un nome impossibile, ma in parole semplici, la mia funzione è quella di uno sviluppatore che ha una formazione tecnica che gli permette di sviluppare, testare e distribuire siti o applicazioni web. Lavoro, quindi, sia sul lato front end, che back end; ovvero sia sull’interfaccia che userà l’utente finale, sia su quella che le sta dietro e ne regola il funzionamento.

Qual è stato il tuo percorso prima di entrare in Broxlab?

Sono un ingegnere informatico, ho studiato in Venezuela, a Caracas, dove sono nato e cresciuto. Dopo la laurea ho lavorato lì in due aziende, mi occupavo di sviluppo per applicazione mobile. Poi, data la situazione di grande crisi in Venezuela, io e la mia famiglia abbiamo deciso di emigrare in Italia un anno fa, a Rionero in Vulture, dove vivono i miei nonni. Io infatti ho origini italiane, perché i miei nonni sono di qui, si trasferirono in Venezuela da bambini, durante la guerra, e sono tornati in Italia dopo la pensione. All’inizio non è stato semplicissimo, non parlavo una parola di italiano e non conoscevo nessuno, per non parlare del passaggio da una città come Caracas a un paesino della Basilicata. Sicuramente è stato un bello shock all’inizio! Però mi sono armato di pazienza e di tanti libri: ho imparato la lingua, fatto nuove amicizie e ho cercato lavoro.

Dopo poco, attraverso il progetto Crescere in Digitale (lo stesso progetto che hanno intrapreso Noemi e Margherita, leggi qui per scoprire di più), ho fatto diversi colloqui e alla fine ho trovato Broxlab.

Un progetto a cui hai lavorato che ti è piaciuto molto…

Il progetto più importante a cui ho lavorato è AIDA, ovvero un software per la gestione di Broxlab. Si tratta di un progetto molto grande (ancora in corso d’opera) che riguarda la costruzione di un gestionale unico per tutta l’azienda. Ancora adesso utilizziamo Teamleader, un sistema di CRM molto valido, ma l’obiettivo è quello di avere un gestionale pensato e gestito da Broxlab per Broxlab. Per me è stata una vera e propria sfida, perché all’inizio sapevo poco di sviluppo di siti web, mi ero sempre occupato di sviluppo mobile. Ho imparato molto e posso utilizzare questa competenza anche per progetti futuri.

C’è qualcos’altro che ti piacerebbe fare in Broxlab?

Amo quello che faccio, ho studiato ingegneria informatica perché era la mia passione e sono contento di fare quello in cui mi sono laureato, cosa che non è sempre scontata. Ma dovendo scegliere qualcosa di diverso, direi che c’è un settore che mi piacerebbe approfondire ed è proprio quello sello sviluppo app mobile. Perché è vero che ho fatto un po’ di esperienza con i primi lavori in Venezuela, ma mi piacerebbe imparare qualcosa di nuovo sul tema.

Summary
BROXLIFE: Gianfranco Berlino Goncalves IT Developer
Article Name
BROXLIFE: Gianfranco Berlino Goncalves IT Developer
Description
BroxLIFE è la rubrica in cui ci raccontiamo volta per volta. Oggi è il turno di Gianfranco Berlino Goncalves, Full Stack IT Developer.
Author
Publisher Name
broxlab.com
Publisher Logo