Sonic Branding: dimmi che suono fai e ti dirò chi sei!

La connessione tra uomo e macchina si fa sempre più forte, basti pensare a Siri, a Google Assistant e ad Alexa, e l’aspetto sonoro diventa cruciale in tutti i processi quotidiani. In questo contesto il Sonic Branding assume un ruolo primario nel marketing, puntando sull’ interazione emotiva del cliente con il brand.

 

 

A pensarci bene, la nostra vita è un continuo sottofondo di  suoni: una notifica sul cellulare, la sveglia alla mattina, la mail appena arrivata, l’accensione dell’auto. A ognuno di questi stimoli uditivi associamo un significato e reagiamo ad essi in meno di un secondo! Ecco allora che un suono diventa elemento distintivo, leva di marketing per l’ azienda che lo utilizza per emozionare e creare una connessione sensoriale con i clienti: questo è il Sonic Branding.

Associamo il suono al brand secondo una sorta di automatismo che scatta nella nostra mente e crea l’associazione stessa. Suoni riconoscibili in tutto il mondo, in ogni contesto, superando ogni barriera linguistica, culturale e visiva e diventando parte fondamentale per la promozione di un brand. Basta pensare al suono di accensione di un Mac per pensare alla Apple o canticchiare il jingle “Pa ra pa pa pa” per pensare: “I’m lovin’it” di Mc Donald.

 

Sonic Branding e Digital Marketing

Il sonic branding propone un vero e proprio cambio di rotta nel mondo del digital marketing. Nell’ultimo decennio le immagini e il visual marketing, hanno costruito il successo di Facebook e Instagram. Poi il trend è diventato quello dei video su YouTube e dei sottotitoli da leggere. Oggi, gli influencer hanno deciso di dirigersi verso il sonic branding, per puntare all’engagement emotivo degli utenti. Si utilizza una sigla di apertura, scelta dall’influencer per diventare la sua nota distintiva.

 

Vantaggi

Per reagire a un suono bastano 0,146 secondi e nessuna conoscenza o esperienza, ecco perché il suo utilizzo strategico gioca un ruolo fondamentale nel differenziare positivamente un prodotto, rafforzare il legame, costruire fiducia, e persino aumentare le vendite.

I punti di forza del sonic branding sono:

  • catturare l’attenzione: nel bombardamento quotidiano di informazioni al quale siamo sottoposti, un suono può rafforzare la brand identity e catturare l’attenzione delle persone;
  • emozionare: i suoni innescano emozioni in maniera più rapida delle immagini;
  • rafforzare il richiamo al brand: ascoltare un suono, associato a un immagine, come un logo o un prodotto, aumenta la sua memorizzazione e aumenta i livelli di brand recall.

 

 

Se, come scrive Gartner, le ricerche mobile sono destinate a essere generate solo da query di ricerca vocaliAmazon Alexae, e Siri di Apple conquisteranno presto anche gli inserzionisti più scettici. I brand devono ripensare le proprie strategie di marketing e creare un nuovo ecosistema di contenuti, messaggi, advertising e comandi.

Se desideri trasformare  la tua brand identity, rivolgiti a noi! I nostri consulenti, sapranno consigliarti la strategia più adatta alle tue esigenze e spingeranno la tua azienda verso il futuro.

Summary
Sonic Branding: dimmi che suono fai e ti dirò chi sei!
Article Name
Sonic Branding: dimmi che suono fai e ti dirò chi sei!
Description
Il sonic branding è un ramo del marketing in cui i suoni vengono ripensati in maniera strategica e utilizzati per rinforzare la brand identity di un’azienda.
Author
Publisher Name
Broxlab
Publisher Logo