La piattaforma fondata da Reid Hoffman è stata acquistata dal colosso americano Microsoft.

Linkedin, il social network dei professionisti e delle aziende, passa al colosso fondato da Bill Gates: l’azienda di Redmond ha infatti acquisito il noto social network dopo una trattativa portata a termine in pochi giorni. Si tratta dell’acquisizione più grande mai conclusa dalla Microsoft.
I vertici di Linkedin fanno sapere che l’amministratore delegato Jeff Weiner resterà al proprio posto e che resteranno inalterate le caratteristiche che hanno comportato il successo della piattaforma negli ultimi anni. L’ a.d. manterrà il controllo su Linkedin, ma dovrà riferire a Satya Nadella, attualmente numero uno di Microsoft.

Sia Hoffmann (fondatore di Linkedin) che Weiner hanno dimostrato un grande interesse nel portare a termine la trattativa, la cui conclusione dovrebbe avvenire entro la fine dell’anno solare. L’obiettivo che ha convinto Microsoft a puntare sull’acquisizione di Linkedin è dovuto al fatto che, globalmente, si stanno verificando incrementi nel mercato del lavoro: in questo senso, l’idea è quella di rilanciare il noto social network, che ultimamente ha deluso investitori ed analisti anche a causa della concorrenza e per un rilancio dei canali tradizionali che riguardano il mondo del lavoro.

Lo scorso anno, in particolare l’ultimo trimestre del 2015, si è concluso con segni in negativo e perdite notevoli che hanno destato diverse preoccupazioni nei vertici di Linkedin. I primi mesi del 2016 hanno, invece, mostrato segni di ripresa con ricavi di circa 860 milioni di dollari. Ciononostante, il valore azionario non si è ancora ripreso dopo il crollo del 28% del 5 febbraio, quando furono pubblicati i conti 2015.

I numeri che hanno spinto il colosso statunitense ad acquisire Linkedin sono stati sottolineati in una nota ufficiale di Redmond:

  • 433 milioni di utenti iscritti in tutto il mondo, con notevoli percentuali di crescita
  • 105 milioni di visitatori unici al mese (+9% anno su anno)
  • 60% di utenti su mobile
  • Oltre 7 milioni di annunci di lavoro (+101% anno su anno)